Coabitazione difficile, ma insieme può essere migliore

nf

Siamo nati da un Progetto Life, con un coofinanziamento della Commissione Europea, è bastato poco (a bilancio erano stati inserirti 2000 euro, ma ne abbiamo usati di meno: 250 euro). Siamo nati perché CI SENTIVAMO SOLI.

Tutti parlano, tutti criticano, tutti danno soluzioni.

 

NOI LO SAPPIAMO BENE CHE NON C’E’ UNA SOLA SOLUZIONE.

 

Noi abbiamo cominciato a parlare con tutti, biologi, ambientalisti, colleghi pastori di tutta Italia. Le critiche sono state tante, tante quanto le “ghiacce tirate” per farci dire, che era tutto facile, ma noi non lo abbiamo MAI detto. Siamo diventati come un forasacco, duri e pronti ad affrontare tutto e tutti per cercare di far capire la nostra realtà e la realtà anche di colleghi che, seppur critici sul nostro operato, stanno lavorando seguendo la stessa strada. In sunto diciamo le stesse cose, ma non ci capiamo, tipico nel nostro bel Paese.

 

A volte ci sentiamo stanchi, amareggiati, delusi, ma poi arriva quel messaggio del collega che ha visto i cani allontanare dei lupi dal bestiame e allora l’orgoglio di aver fatto una scelta da cui non si torna più indietro, diventa la nostra bandiera. Crescere un cane da guardiania, quando non hai esperienza e non hai nessuno che ti consiglia sulla sua gestione, nel caso di allevamenti come quelli senza la presenza del pastore al pascolo, è dura e a volte i problemi ti sembrano enormi insormontabili. Ecco uno dei motivi, ma solo uno dei motivi, che ci fanno dire e ridire ancora di continuare a stare uniti ed essere positivi e propositivi.

I problemi sono tanti dal prezzo dei prodotti agricoli sempre più in calo  anche dopo le promesse dei piani “più alti”; l’ angoscia di assistere ad un’altra estate di siccità o primavera con un alluvione e ancora tanti altri; l’ansia di non riuscire a pagare i contributi e rischiare la chiusura dell’azienda.

NOI ABBIAMO DECISO DI ESSERE COME UN FORASACCO CHE CONTINUA A SCAVARE RESISTENTE E INSISTENTE, PERCHE’ E’ NECESSARIO MUOVERSI E FARLO IN FRETTA TUTTI INSIEME.

 

Buona visione e grazie mille al nostro VICE PRESIDENTE, Fabio Neri

 

 

https://video.sky.it/news/cronaca/il-ritorno-del-lupo-in-toscana-coabitazione-possibile/v494825.vid

Da fiume di latte a tsunami bianco

Era un fiume, un fiume bianco, forzato a stare negli argini di chi ( i pochi grandi industriali che comandano) decide il prezzo del latte, ora è onda, ora è tsunami, ora è la forza di chi non vuole più essere schiavo.

Da anni sentiamo parlare dei prodotti d’eccellenza  del settore zootecnico italiano: pecorini strepitosi che vincono premi su premi. Quando, però ripercorri la scala dall’alto verso il basso, ti accorgi che è come quella del pollaio: più scendi e più è coperta di sterco.

Così il prezzo al consumatore finale è alto e quello al produttore primario, cioè il pastore, è irrisorio se non addirittura ridicolo.

Sappiamo bene che ci sono dei costi vivi di lavorazione, che anche gli industriali devono sopportare, ma sappiamo altrettanto bene che con i ricavi potrebbero aumentare il prezzo al produttore primario senza alzarlo al consumatore.

La verità è sempre quella che, quando si chiede di essere ascoltati pacificamente, la politica ti ascoltata solo se hai i numeri, i famosi futuri voti, altrimenti non gli interessi, sei scomodo, non sei allarmista, non sei abbastanza. Tutto cambia quando parte una vera rivolta e nella rivolta succede di tutto.

La paura più grande è che ci mettano seduti tutti intorno ad un bel tavolo infiocchettato di promesse, le solite, e con la soluzione servita su di un piatto d’argento:

Non vi preoccupate, mettiamo delle quote latte e vi diamo un premio!!!!!

Siamo allevatori, chiamateci pure pecorai, non ci offendiamo, ma non siamo stupidi.

Le quote latte e la riduzione del bestiame non sono la soluzione, fino a quando si permette agli stessi trasformatori, che elogiano all’estero il nostro prodotto, di utilizzare prodotti dal famoso mercato libero.

Nulla contro il commercio libero, ma poi non si vada a produrre, con questi alimenti, prodotti a marchi di qualità italiana.

NOI VOGLIAMO E PRETENDIAMO LA TRACCIABILITA’.

Vogliamo scoperchiare le pentole e tirare fuori tutti i diavoli.

I primi sono proprio quelli che decido i prezzi, nella famosa stanza dei bottoni.

La gente deve sapere come funziona: se in una determinata zona vi è un industriale, più potente politicamente o con il maggior numero di conferitori, LUI decide per primo il prezzo e tutti gli altri trasformatori lo seguono a ruota, sempre logicamente al ribasso.

La frase che ti dicono, se gli chiedi spiegazioni, su quei centesi in meno su un totale di pochi centesimi, è sempre la stessa:

eh io non ci posso fare niente, lui ha deciso il prezzo e noi non possiamo aumentarlo.

Tutte balle, tutte menzogne per tenerci alla cavezza..

Ora, però , l’oro bianco sta fondendo e scotta, brucia le mani.
Tutti devono sapere che se è stato possibile, fino ad ora, abbassare il prezzo del latte fino a ridurre le aziende agricole zootecniche alla fame, non è possibile togliere orgoglio e passione di chi svolge da sempre il lavoro più antico del mondo, quello del pastore.

FORZA COLLEGHI O ANCHE SOLO CONSUMATORI.. TUTTI INSIEME.. FACCIAMO VEDERE CHE SE STIAMO TUTTI UNITI RIUSCIAMO A VINCERE.

Condividiamo una foto che sta girando sui social e che rende ben chiara la sofferenza e la rabbia di tutti gli allevatori.

 

latte

Rivogliamo la nostra dignità.

PIU’ PECORINO TOSCANO sulle nostre tavole e MENO latte prodotto in TOSCANA, quindi questo latte da dove arriva?
PREZZI PIU’ ALTI del prodotto finito, IN CALO il prezzo DEL LATTE OVINO.
Ecco quando la MATEMATICA DIVENTA UNA OPINIONE.
#rivogliamolanostradignitàlatte-3

Concorso fotografico IL GREGGE NEL CUORE

screenshot_2018-09-07-11-13-22_1

Serve solo un cellulare o una macchina fotografica e la voglia di fermarsi ad immortalare il nostro bestiame al pascolo negli splendidi scenari della maremma autunnale.
Il concorso si apre il 15 settembre e chiude il 31 ottobre 2018.
Le foto possono essere mandate direttamente alla pagina Facebook difesAttiva come messaggio privato o via mail a difesattiva8@gmail.com.


I premi saranno molti dai prodotti lattiero-caseari dei nostri caseifici a visite aziendali in fattorie didattiche.
Le foto premiate dalla giuria saranno pubblicate sul sito e sulla pagina facebook.

PARETECIPATE NUMEROSI E SPUDITEVI CON NOI DELLA BELLEZZA DELLA PROVINCIA GROSSETANA

 

screenshot_2018-09-07-11-13-22_1

VOLONTARI ATTIVI, ecco chi sono le nostre volontarie.

anna

VOLONTARI ATTIVI: Ragazze giovani e intraprendenti con la voglia di conoscere e di impegnarsi in un duro lavoro: quello nel settore zootecnico.

Grazie al contributo del WWF Nazionale e a tutti i cittadini che credono nel progetto che stiamo portando avanti, siamo riusciti a riaprire il bando di volontari attivi e ad avere poche, ma buone, adesioni.

La Maremma è una terra meravigliosa, la ricchezza della sua biodiversità è conosciuta in tutto il mondo, ma la crisi che da tempo attanaglia il settore ovicaprino, a noi aziende agricole zootecniche, la fa apparire dura e a volte, come dice una famosa canzone, AMARA.

Ai prodotti agricoli ( latte e carne di pecora) non viene più riconosciuto il proprio valore, salvo poi vederlo rivenduto sul mercato al triplo, se non di più, rispetto a quello che è riconosciuto alle aziende agricole produttrici. I prezzi fermi da quasi più di 20 anni, stanno mettendo in ginocchio le aziende. In una situazione precaria, ogni possibile attacco da parte di predatori (lupo e non solo), può costare molto alla singola azienda agricola. Tutti questi sono temi quotidiani in Maremma, a volte ben chiari e ben conosciuti, ma poi nel concreto mai affrontati.

DifesAttiva lo sta cercando di fare, allevatori in rete per poter migliorare le proprie strategie antipredatorie, migliorare il benessere e la salute del bestiame e dei cani da protezione dello stesso, lo fa cercando di promuovere i prodotti e le attività delle aziende, lo fa APRENDO le PORTE della propria casa a volontari che hanno voglia e piacere di condividere il duro lavoro e magari contribuire al miglioramento della situazione.

I nostri volontari sono per noi la finestra sul mondo, che molto spesso ci giudica e a volte lo fa senza conoscere realmente le situazioni e i problemi di una terra o di un settore. I nostri volontari partono, dopo le loro esperienze, con una valigia carica di eventi ed esperienze, con l’affetto e l’amicizia di chi ha deciso di rimanere in contatto.

Noi non risolviamo tutti i problemi e non ci facciamo illusioni di facili compromessi, ma costruiamo sinergie e legami. Il settore zootecnico ovino vive una crisi da lungo tempo e le aziende pure, ma a noi piace pensare che insieme, molto allevatoriale e consumatori e fruitori di un territorio, insieme sulla base della logica e della razionalità possiamo costruire un nuovo futuro.

#difesattivasiamonoiesietevoi #volontariattivi #wwf

Grazie a tutti i donatori per aver permesso tutto questo, più volte abbiamo detto e ribadito che non volevamo utilizzare fondi agricoli, che servono per lo sviluppo delle aziende agricole, ma fondi che arrivano da altri settori (es. ambiente) e voi ci avete ascoltato. 

 

 

RIAPRE IL BANDO VOLONTARI ATTIVI.. TI ASPETTIAMO!

volonatari-attivi-2018-per-sito

Riapre il progetto “volontari attivi” per l’estate 2018!

DifesAttiva, grazie all’impegno dei cittadini e del WWF Nazionale che ha creduto in questo progetto, ha di nuovo la possibilità di offrire una doppia opportunità  rivolta ad aziende agricole zootecniche site in provincia di Grosseto e a volontari che vogliono vivere una esperienza a contatto con il mondo rurale dove la biodiversità è la prima ricchezza.

Trovare un equilibro e cominciare a lavorare in sinergia per creare nuove opportunità, questi alcuni degli scopi, ma anche stringere amicizie e legami che vanno oltre il lavoro e l’attività di protezione del bestiame, ecco cosa è VOLONTARI ATTIVI.

Se ti senti un volontario attivo, scarica e leggi la nota informativa di seguito allegata e compila il modulo di candidatura- volontari attivi- 2018 difesattiva.

Se sei una azienda agricola zootecnica e hai la necessità di ricevere un aiuto gratuito da parte di volontari attivi, scarica e leggi la nota informativa e compila il modulo di candidatura- azienda agricola zootecnica-2018 difesattiva.

Entro il 22 giugno 2018, salvo successive proroghe.

VI ASPETTIAMO.. #difesAttivasietevoisiamonoi

volontari-attivi-per-volontari_2018

modulo-di-candidatura-volontari_2018-difesattiva-def

volontari-attivi-per-aziende-zootecniche_2018

modulo-di-candidatura-2018-difesattiva-aziende-agricole-zootecniche-def

 

 

 

 

Lucia, la nostra volontaria attiva.

32679834_2098350137113652_2372673031051935744_n

Lucia Fantasia, una laurea in Medicina Veterinaria, tanta passione e buona volontà.

Parte così una nuova avventura, Lucia è arrivata il 15 maggio in una azienda di difesAttiva, Azienda Agricola di Davide Lozzi in località Marrucheti, Campagnatico (GR).

Pecore di razza sarda da latte, cani da guardiania e nuovi lavori da fare per migliorare la gestione antipredatoria notturna dell’azienda, tante sono le attività che Davide condividerà con Lucia, ma tanti sono anche gli spunti e gli aiuti che arriveranno da Lucia.

Fatti e non parole. A breve il progetto VOLONTARI ATTIVI ricomincerà, Ti aspettiamo.

 

Per maggiori informazioni puoi scrivere a difesattiva8@gmail.com o contattare direttamente il numero 3478454341.

32679834_2098350137113652_2372673031051935744_n

 

Volontari attivi. Fatti e non parole. difesAttiva

 

Roberto Are alla fine della sua esperienza in difesAttiva nel progetto VOLONTARI ATTIVI.

Fatti e non parole.

Grazie Roberto per tutto il tuo impegno e il tuo lavoro nella nostra azienda agricola Podere Bellavista.

Pastori a Confronto dalla Alpi alla Maremma Toscana

cattura_almo


 

Nasce difesAttiva Liguria. Buon lavoro colleghi.

difesattiva-liguria

La storia inizia così, nel modo più semplice, la condivisione degli stessi obiettivi:

PROMOZIONE e PROTEZIONE.

Così difesAttiva viene contattata da alcuni colleghi allevatori liguri e da lì parte l’avventura che diventa realtà con la registrazione in data 01 marzo 2018 della seconda associazione sotto lo stesso nome “difesAttiva, ma questa volta, Liguria”.

Da adesso siamo insieme. Vogliamo continuare ad essere presidi di territori bellissimi come quelli agricoli italiani.

Le nostre azienda affrontano gli stessi temi e problemi, anche se nella gestione e costituzione siamo diversi.

Anche il territorio che presidiamo è diverso ed è per quello che ci siamo voluti costituire in due associazioni, che però si stringono la mano e si aiutano nei tratti difficili del cammino che dovremo affrontare per poter far conoscere il nostro lavoro e la nostra passione.

Benvenuti ai nostri colleghi di difesAttiva Liguria e come si dice da voi.. Belìn ce la metteremo tutta.

 

Seguite la loro pagina facebook

https://www.facebook.com/difesAttiva-Liguria-149676505715100/